Questo sito utilizza cookie tecnici e consente l'invio di cookie di "terze parti" al fine di effettuare misure di traffico per la valutazione delle prestazioni del sito. Per saperne di più, clicca sull'apposito bottone "Maggiori dettagli", che aprirà in modalità pop up l'informativa estesa, dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando il bottone OK, o cliccando su una qualsiasi altra area del sito, presterai consenso all'uso dei cookie.

Settore: Industriale

Tecnologia: IoT

Cebora

Progettazione e design di interfacce applicate a dispositivo IoT in ambito saldatura

Il cliente - Cebora


Cebora S.p.A. è un'azienda leader nella produzione di saldatrici e di macchine per il taglio al plasma, nota nel mondo dal 1954 per la qualità e l'affidabilità dei suoi prodotti. La gamma di produzione comprende macchine di media ed alta tecnologia, destinate a diversi settori di impiego. Si struttura in diverse divisioni, tra le quali "Divisione Ruote" e "Divisione Saldatura e Taglio per automazione".

Esigenze

Il mercato della saldatura si sta evolvendo. La concorrenza offre sistemi di diagnostica e controllo remoto delle macchine. Il cliente ci ha chiesto di progettare e sviluppare il sistema di controllo remoto, così da poter gestire ed avviare le proprie macchine utilizzando semplicemente un tablet. Si voleva ottenere un'applicazione con la quale monitorare e gestire le macchine fisiche in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo.
Gli obiettivi da perseguire erano i seguenti:

  • progettare un sistema focalizzato sull'esperienza d'uso delle persone e non sulle feature da implementare;

  • fornire una soluzione che diventasse un touchpoint Cebora presso lo stabilimento del cliente;

  • formare gli stakeholder Cebora (responsabile IT, responsabile R&D, partner esterno) ad utilizzare una metodologia di rilascio per release successive.

Soluzione

Si è sviluppata una soluzione, IIOW (Industrial Internet Of Welding) basata interamente sulla tecnologia web che potesse essere fruita dai tablet già presenti in azienda: da una parte il tablet rappresenta il controller remoto della saldatrice (indispensabile nelle linee di produzione non accessibili fisicamente) ma contemporaneamente può diventare il canale con cui Cebora può restare in contatto con l'operatore, veicolando altri flussi informativi (ad esempio manualistica o training video per lavorazioni particolari). I principi di utilizzo della soluzione sono gli stessi del pannello di controllo fisico della macchina al fine di minimizzare la necessità di addestramento. I rilasci sono stati organizzati utilizzando la metodologia Agile dello User Story Mapping. Ogni release ha impatti su più elementi (dalla saldatrice, al pannello remoto, alle modalità di vendita) definendo non tanto feature, quanto un set di risultati da perseguire. Si è riuscito ad implementare un sistema che da una parte gestisce le macchine da remoto, dall'altra permette di scambiare in modo istantaneo anche informazioni sul funzionamento della stessa.

Risultato

L'approccio progettuale ha lentamente fatto breccia nei tecnici e nei responsabili di Cebora che hanno apprezzato la condivisione di un piano generale tra tutti gli attori. L'applicazione dal punto di vista dalla UX e della UI è risultata di forte impatto. Il prodotto è stato giudicato positivamente alle fiere di settore prima e dai clienti in seguito. Il piano evolutivo della soluzione prevede l'introduzione progressiva di nuove funzionalità di controllo e l'integrazione di nuove fonti informative dalla casa madre.