Questo sito utilizza cookie tecnici e consente l'invio di cookie di "terze parti" al fine di effettuare misure di traffico per la valutazione delle prestazioni del sito. Per saperne di più, clicca sull'apposito bottone "Maggiori dettagli", che aprirà in modalità pop up l'informativa estesa, dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando il bottone OK, o cliccando su una qualsiasi altra area del sito, presterai consenso all'uso dei cookie.

Notizie dalla Rete

Indietro

BNova promuove il nuovo master in Big Data Analytics e Social Mining

Banner


Proprio per questo motivo, la società leader in ambito B.I e B.D, ha deciso di sponsorizzare il master di secondo livello in "Big Data Analytics & Social Mining"" (www.sobigdata.eu/master/bigdata) dell'Università di Pisa. 

Il master è frutto della collaborazione tra l'Università di Pisa e il CNR, le cui lezioni partiranno a febbraio del 2015 e dureranno un anno. Basato sull'esperienza e sui progetti sviluppati all'interno del laboratorio SoBigData, che vede appunto riuniti studiosi delle due prestigiose istituzioni, il master è stato presentato in Rettorato dal Professore Dino Pedreschi lo scorso 11 Novembre.

Insieme a BNova in questa nuova avventura, numerose altre aziende ed enti che a vario titolo collaborano con il SoBigData Lab – tra i quali ISTAT, ENEL, Wind, Octo Telematics, Coop, Tiscali, il "Sole 24 Ore", Almaviva.

Il master avrà lo scopo di preparare professionisti in grado di raccogliere, gestire e leggere i milioni di dati raccolti da internet, smartphone e social media; stiamo parlando dei data scientist.
Lo "scienziato dei dati" è la figura professionale più interessante del XXI secolo secondo "The economist". Si tratta di una nuova figura professionale che deve avere caratteristiche ibride: capacità di trattamento dei dati unite a notevoli capacità di comunicazione e di analisi. 
Una delle caratteristiche chiave di questa nuova figura professionale, oltre alle competenze tecniche, è la capacità di comunicare i risultati dell'analisi a tutti gli "stakeholders" e di supportare i senior managers delle aziende nelle decisioni critiche.

A nostro avviso – dichiara Serena Arrighi, CEO BNova - l'investimento in ambito BIG DATA anche e soprattutto in termini di formazione, si tratta più che di una scelta, di un'esigenza: i tempi sono maturi ed il mercato chiede risposte concrete e in tempi rapidi.