Questo sito utilizza cookie tecnici e consente l'invio di cookie di "terze parti" al fine di effettuare misure di traffico per la valutazione delle prestazioni del sito. Per saperne di più, clicca sull'apposito bottone "Maggiori dettagli", che aprirà in modalità pop up l'informativa estesa, dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando il bottone OK, o cliccando su una qualsiasi altra area del sito, presterai consenso all'uso dei cookie.

Notizie dalla Rete

Indietro

Abbattere i costi di produzione si può

Banner

 

Proviamo a ridurre gli scarti, migliorando i sistemi di controllo, per abbattere le fluttuazioni delle dimensioni innescate nei processi continui.


Tutto qui?

No. Venite a sentire il nostro intervento dal vivo. Potrete approfondire come Elabor affronta un argomento spinoso, come i costi di produzione, nell'ottica di un risparmio che è sempre più sinonimo di guadagno, innovazione e investimento.Un canale importante per entrare di diritto nell'era dell'industria 4.0.


Come?

Con la metodolgia Fi-Co: impostare le logiche necessarie per inviare al processo le azioni adeguate per ridurre sensibilmente le oscillazioni delle caratteristiche del prodotto, soprattutto quelle più critiche, come le dimensioni trasversali, come per esempio, il diamentro o lo spessore di tubi a sezione circolare. Spesso nei processi industriali in serie, specie quelli continui caratterizzati da una molteplicità di parametri di controllo, non è semplice contrastare efficacemente la presenza di fluttuazioni persistenti con gli usuali controllori (es. PID).

Conseguenza: ingenti costi in termini di scarto di produzione e di costi della non Qualità (resi dal mercato, gestione non conformità, ecc.). In primis si cerca di agire alla sorgente, almeno per migliorare i sistemi termici/meccanici. Anche se la quota di costi associata al problema rimane consistente, tali fluttuazioni finiscono spesso per essere considerate ineliminabili e "connaturate al processo", e alla perdita di competitività, che già affligge gli aspetti operativi, si sommano ripercussioni sulla motivazione delle persone e sulle prospettive strategiche in senso più generale.

Lo scenario è delicato; l'ideale sarebbe disporre di un sistema di controllo che si possa installare sopra al sistema di controllo esistente, senza richiedere investimenti rilevanti, e che sia in grado di correggere efficacemente le fluttuazioni di processo, indipendentemente dalle sorgenti che le generano. Il progetto nasce nell'ambito della produzione di tubo vetro borosilicato per applicazioni farmaceutiche.


Facciamo ora due conti:

Nel caso del processo "Danner" lo scarto automatico dimensionale è tipicamente attorno al 20%, e la variabilità dimensionale sul prodotto consegnato è molto consistente (CpK ~ 1,0); prestazioni considerate normali e connaturate al processo; l'unica alternativa è passare al processo "Vello", il che richiede investimenti non trascurabili (~10 M€), e comporta di assumere vincoli sulla flessibilità della produzione.

Il controllore FiCo è in grado, senza richiedere modifiche meccaniche apprezzabili, di identificare continuamente le caratteristiche di ripetitività dei disturbi presenti nel processo, e di comandare opportunamente gli attuatori in modo da ridurre l'ampiezza delle fluttuazioni, ottenendo risultati molto rilevanti sia sulla produttività (+10%), sia sulla Qualità del materiale venduto (CpK +0,3), con impatti quindi sia operativi sia strategici. Gli sviluppi del controllore nel suo ambito originario hanno dato luogo ad una vera e propria metologia. Un'approccio innovativo alle problematiche di controllo che può essere applicato a tutti i processi continui in cui avvengono trasformazioni azionate da movimenti meccanici, come ad esempio in primis l'estrusione.


L'evento.

Organizzato dalla Regione Toscana attraverso la Direzione Attività Produttive e Direzione Cultura e Ricerca, rappresenta un'opportunità gratuita per divulgare e presentare alle aziende italiane le proprie attività di ricerca e le principali novità in termini di risultati sul tema di "Fabbrica Intelligente".

Si svolgerà a Firenze presso Palacongressi di Firenze, Villa Vittoria, il 27 e 28 febbraio in occasione di TOSCANA TECHNOLOGICA, una manifestazione di due giorni organizzata attraverso cicli di convegni, seminari, tavole rotonde, momenti promozionali e di divulgazione tecnologica sul tema della smart specialisation, interamente organizzata dalla Regione Toscana.

 

Ti interessa il confronto con queste realtà? Consulta il sito di riferimento per cercare ulteriori informazioni sull'evento.